29 marzo 2009

'A duménega

'A duménega racconta delle puttane che nella vecchia Genova erano relegate in un quartiere, ma, tra i diritti che erano loro riconosciuti, c'era quello della passeggiata domenicale. Questo Eros center dell'epoca veniva dato in appalto dal Comune e, attraverso i relativi guadagni, pare che Genova riuscisse a coprire quasi totalmente le spese dei lavori portuali. Naturalmente fuori dal quartiere erano disprezzate da tutti e alla domenica ricevevano insulti dovunque andassero: "A Ciamberlin sussa belin", "A fuxe cheusce de sciaccanux", "In caignan musse de tersa man" e "In Puntexellu che mustran l'oxellu".
(Fabrizio de Andrè, la mostra)

La traduzione delle frasi in dialetto genovese la lascio alla vostra fantasia.
Buona duménega a tutti.

2 commenti:

ottanta/cento ha detto...

'O rraù ca me piace a me
m''o ffaceva sulo mammà
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
Io nun songo difficultuso
ma luvàmmel''a miezo st'uso.
Sì, va buono: cumme vuò tu
Mò ce avéssem'appiccecà?
Tu che dice? Chest'è rraù?
E io m''o magno pé m''o mangià
M''a faje dicere 'na parola?
Chesta è carna c''a pummarola
[eduardo de filippo, 1947]

No, giusto perché a proposito di domeniche...

numero22 ha detto...

na duménega co' rraù